Malaysia MH 17: perché?

Può sembrare assurdo ma è successo davvero, rimango quasi incredulo quando nel pomeriggio un messaggio di un amico, anche lui nel mondo aeronautico, mi avvisa che un altro 777 della compagnia aera Malaysia Airlines è caduto, mi precipito sui siti di informazione e ciò che scopro mi lascia ancora più perplesso ….ABBATTUTO!

-60480249129aadd1

Leggo attentamente l’articolo e mentre mi avvicino alla fine nella mia testa almeno tre incidenti nella storia dell’aviazione si materializzano come fossero una voce che mi suggerisce qualcosa.

Il primo, un collegamento che credo chiunque abbia fatto, impossibile non pensare all’incidente o meglio alla sparizione dello stesso modello di velivolo della medesima compagnia, DISPERSO è tutt’ora definito nell’oceano Indiano dall’8 Marzo 2014, bizzarro, quasi una coincidenza troppo coincidenza per crederci e far finta che sia solo un frutto della casualità.

images

A quanti di voi è venuto in mente la domanda “e se anche il volo MH370 fosse stato abbattuto da un missile?”, ma questo è un pensiero che tira dietro di se una seconda domanda: “perché?”.

10402680_508923012542362_7906065530808926309_n

un passeggero del volo MH17 posta questa foto su facebook prima di decollare scrivendo: “se sparisce, ecco come appare. “

La risposta, sicuramente è tenuta ben in cassaforte da chi ha interesse affinché certi avvenimenti avvengano, e chissà se solo tra 20 o 30 anni si saprà davvero un barlume di verità, verità che chi ha il potere vuol lasciare trapelare. La storia si ripete vien quasi da dire, ricordate la strage di Ustica? Immagino che più di qualcuno si, strage aerea avvenuta il 27 Giugno del 1980, in spazio aereo Italiano, contro un aeromobile Italiano. Sono trascorsi da allora 34 anni, e ancora si parla di ipotesi, collisione in volo, bomba, cedimento strutturale. Solo le alte sfere politiche e militare ancora giocano a far finita di non sapere o capire, ma ovunque è chiaro che anche in quell’occasione è stato un missile. Forse si voleva colpire Gheddafi, forse uno scontro tra caccia NATO e Libici o un semplice atto dimostrativo. Sta di fatto che c’è finito di mezzo il DC-9 Itavia. Un monito per tutti o un destinatario ben preciso, a volte si arriva anche a questo, potrò sembrare cinico, colpire chi si ritiene “insignificante” per lanciare un messaggio di avvertimento, facendolo passare per errore, evitando cosi di esporsi o coinvolgimenti diretti, una sorta di guerra fredda a spese dei “sacrificabili”. Bhe io in tutto questo ci vedo molta similitudine tra l’incidente dell’1980 e quello avvenuto ieri pomeriggio, adesso Russi, Ucraini e Ribelli, si accusano a vicenda su chi sia stato, certo che la Russia, allora Unione Sovietica, nel suo passato più di qualche scheletro ce l’ha, chi ricorda il volo 007 della Korean Air Lines?, anche lui abbattuto da un caccia sovietico perché si pensava fosse un aereo spia, altra vicenda bizzarrà.

Sta di fatto comunque che chi volesse attirare l’attenzione sugli scontri che stanno avvenendo in quella parte del mondo c’è riuscito in pieno, ora tutti i media hanno gli occhi puntati sul confine tra Russia ed Ucraina, e di conseguenza il mondo, NATO, ONU, che difficilmente possono fingere di non guardare, come fosse un evidenziatore su una frase in un libro.

Un pensiero profondo all’equipaggio e ai passeggeri vittime della crudeltà umana

10374032_508682932566370_5590612905281561246_n

10419040_508583452576318_4923730861282050320_n

BiN2FsaCIAA4t1F

Facebook Comments
1 Comment
  1. Il “perché” ora lo possiamo immaginare: per varare sanzioni all’odiato nemico. Resta solo da fare qualche indagine sul “chi” e sul “come”, ma non dovrebbe essere difficile. Anzi, mi correggo: visto il contesto sarà difficilissimo.

Leave a Reply