Il linguaggio segreto degli assistenti di volo

img_0027

Che cosa sono tutti ‘sti libri, porca miseria, la costituzione? No, sono i nostri manuali operativi!

Benvenuto a bordo nella nostra sezione “lezioni di volo”, oggi stiamo per rivelare al mondo (così suona come qualcosa di importante) il misterioso slang di bordo.

Il sociologo Greenwood ci insegna che un “mestiere” per diventare “professione” deve avere 5 attributi:

  • dai!! credi davvero che mi metterò a parlare di questo? 

Il punto fondamentale che mi piace di tutte le cose noiose che dice Greenwood, è l’ultima, cioè la cultura professionale.

Per cultura professionale si intente tra le altre cose, anche una terminologia tecnica e specifica riservata a chi è del settore.

A questo aggiungiamo che noi assistenti di volo siamo davvero dei simpaticoni fulminati dal fuso orario e negli anni ce ne siamo inventate di tutti i colori.

Buona lettura!

F/A, AV = io, l’hostess, l’assistente di volo

PURSER, P1, AVR = il responsabile di bordo. Il grande capo.

AVI = come suona antico! Si intende ilcapo N.2 e generalmente lavora nella parte posteriore dell’AM.

AM = aeromobile, anche questo sa di vintage.

3, 4, 5… =il tuo ruolo a bordo. Si usa assegnare al N.4 la posizione nel galley davanti, il 5 nel galley dietro ecc..

GALLEY = casa tua. Sono le “cucine” dell’aeroplano. All’interno puoi trovare:

i TROLLEY: carrelli dotati di ruotine che tu spingi avanti e indietro per servire i drinks e i pasti. Quando li rimetti al loro posto, non dimenticare mai di mettere il LATCH, caspita ogni volta che penso alla parola “latch” l’associo a qualche allievo che non abituato se ne dimentica.

 

 Immagine

Ecco un latch. Senza quello il trolley rischia di andare a spasso da solo. 

Nel galley troverai i BOILER (per fare l’acqua calda) e se non funzionano dirai che sono INOP (inoperativi). A volte anche l’APU (auxiliary power unit) è INOP. Esso è un motore ausiliario che da energia per l’accensione dei motori principali, da corrente elettrica e anche il riscaldamento. Quando è rotto o sudi o congeli, a seconda della stagione.

Le BOX sono contenitori dove inseriamo bibite e scorte, la DROGHERIA è un cassetto dove mettiamo caffè solubilie, zucchero, cucchiaini, bustine del thè (eccetera!).

Gli ECONOMY TUMBLERS sono i bicchieri di plastica e ancora mi chiedo perchè li chiamano così, i PRESET o CUTERLY PAC sono le posate usa e getta, i VOMITINI sono i sacchetti per vomitare (DAI!) e le REFRESHING sono le salviettine umide che sanno di limone chimico e che hanno la misteriosa proprietà di cancellare qualsiasi macchia.

Gli assistenti di volo per decollo e atterraggio si siedono sul JUMPSEAT detto anche STRAPUNTINO e non si alzano fino al RELEASE, cioè il momento di solito a 10.000 piedi dove possiamo iniziare a lavorare.

Se vuoi dire qualcosa ai passeggeri devi parlare nel PA (public address) e schiacciare il PUSH TO TALK. La DEMO è la dimostrazione di sicurezza obbligatoria prima di ogni volo.

I PAX sono i passeggeri, gli UM i bimbi non accompagnati, i WHEELCHAIR sono i disabili che vengono classificati in lettere.

La RAMPA è colui che in tanti anni non ho mai saputo ben definire, si occupa di tutto quello che è il servizio di HANDLING e fa da tramite tra l’aereo e l’aeroporto. Nella mia vita ho conosciuto degli addetti alla rampa molto in gamba e degli imbecilli totali. A volte i RAMPISTI ti fanno la corte o a volte fanno finta che non esisti perché entrano direttamente in COCKPIT e l’unico modo che hai per farti ascoltare è pestargli i piedi. In ogni caso se tu rampista stai leggendo e ti stai arrabbiando, abbi pietà di me e scrivimi un commento dove mi spieghi bene in cosa consiste il tuo lavoro.

COCKPIT: il paradiso, o cabina di pilotaggio, detta anche FLIGHTDECK. Dentro ci sono il CPT, cioè il comandante, e il F/O, il primo ufficiale. Ho detto comandante, NON CAPITANO. Il CAPITANO comanda sulla nave o sula navicella spaziale.

 

Immagine

Flightdeck. Ma dove sono i piloti?

Tip: Se un assistente di volo ti dice “Glielo porto subito”, qualsiasi cosa si tratti, ti sta mandando silenziosamente a quel paese. 

Il PICKUP è il mezzo di trasporto che ci porta in aeroporto quando dormiamo in albergo e la PILOTINA o CREWBAG è la nostra valigia che contiene le nostre cose per lavorare, che possono essere il CAOM (cabin attendant operation manual) che è il nostro manuale, delle scarpe di ricambio, una torcia.. che altro cavolo ci mettiamo in quella valigia? Io non la uso da un secolo, sia lodato l’aereo privato sul quale lavoro.

ATC = Air traffic control, o Dio in persona.

HOLDING = attesa

BRIEFING = Incontro dell’equipaggio prima di ogni volo dove si scambiano info sul meteo, passeggeri, catering e si fa un ripasso sulle procedure di emergenza.

DEBRIEFING = party in qualche stanza di Hotel

PROBLEMA TECNICO = qualsiasi problema viene definito tecnico. Che sia un motore che va a fuoco o che l’aereo non sta partendo semplicemente perchè un assistente di volo non ha sentito la sveglia e si sta aspettando la RISERVA (assistente di volo che in quel giorno lavorativo è a casa ma può essere impiegato dalla compagnia aerea entro un’ora dalla chiamata).

ON DUTY= giornata lavorativa

REST/OFF = riposo

STBY/ONCALL = riserva

Ora, io oggi sono di REST mentre la mia collega è ON DUTY e sicuramente in questo momento starà facendo il servizio di bordo con il suo TROLLEY per poi mettersi nel GALLEY e sistemare le sue cose. Arrivata a destinazione andrà con i piloti in hotel con un PICKUP e domani sperando di non trovare nulla di INOP tornerà a casa col volo di rientro. Tutto chiaro?

In questo momento non ti resta che fare due cose:

  • Se sei un assistente di volo devi aggiungere qualche parola alla lista lasciando un commento qui sotto!
  • Se sei un passeggero o un futuro assistente di volo impara bene i termini che se ti becco a bordo ti interrogo!

Buona settimana a tutti e grazie per seguirci così numerosi!

Ps. i commenti sono sempre graditi!

maditerraodivolo

Ciao, sono Giulietta! Assistente di Volo e Blogger, amo scrivere della mia professione ed aiutare le persone a far decollare la propria carriera in questo meraviglioso mondo chiamato Aviazione!

38 Comments
  1. Ciao,
    Non ho molto da dire perché non ti conosco…
    Ma adoro il tuo blog…!!! 🙂
    Sei semplicemente geniale…!!! 😉

    Continua così,
    Un bacio

    PS: sono nel settore, sono uno di quelli che sta nel Flightdeck… 😀

  2. “Armare” una porta di un aereo significa che dopo averla chiusa e bloccata si attiva un dispositivo che le consentirà di lasciare uscire uno scivolo in caso dovesse servire. ..armare o disarmare sono termini che usiamo ogni tratta

    1. Ho semplicemente rispettato la sequenza CV – colloquio e sono entrata, il settore delle piccole compagnie private non è molto battuto dagli assistenti di volo, si tende sempre a cercare di inserirsi nelle grandi compagnie, vuoi perchè vi è più ricambio/ricerca del personale o perchè danno più garanzie. Io nel “piccolo” ho trovato il mio modo ideale di lavorare e di volare.

  3. Boarding = imbarco, all off = tutti i pax hanno sbarcato, scivolo= non gioco dei bambini, ma quello che fa la differenza in una evacuazione. ABP = Able bodied passenger ovvero chi ti potrebbe dar una mano in caso di emergenza. E mi fermo perche non vorrei far spaventare a chi non e abituato a sentire “evacuazione o emergenza”!!

    1. Ciao e grazie per il commento. Gli ABP che puntualmente stanno.. non dove dovrebbero! Le uscite di emergenza sono evidentemente equipaggiate con un magnete che attira: nonnine indifese, bambini e perché no qualche persona che prima del decollo va nel panico iniziando ad urlare “moriremo tutti!” Vallo a spiegare te ogni volta di farli cambiare di posto. Io lavoro sola sull’aereo. Mentre imbarco devo controllare i biglietti, fare gli annunci e sperare che la rampa capisca sotto cosa deve fare. Provare anche a controllare le uscite di emergenza è impossibile (risultato: farli spostare a fine imbarco): un incubo, accetto consigli!

  4. eeeeeeeh, troppi ne mancano !!
    Lo SMOKE HOOD, la CRASH AXE, l’introvabile MANUAL RELEASE TOOL….e poi l’inquietante FAK !!
    La SHUTOFF VALVE, i SAFETY PINS…..altri !?

    E che dire ai fantasiosi nomi che vengono associati – per distinguere il tipo di pax) alle lettere R,S,C, poste dopo WHC (WHC-R, WHC-S, WHC-R) ?!

    E perché non accennare all’alfabeto , che tutte le volte che parli al telefono con un call center devi sforzarti trovare una città che inizi con Papa, Zulu o India !?

    1. Buongiorno Fabio, haha qui andiamo sul livello avanzato. Mi hai fatto venire in mente i tempi del corso dove pareva di impazzire con tutti questi termini! Siamo mitici noi AV, permettetemi di dirlo, perchè in poco tempo impariamo un sacco di cose e sappiamo destreggiarci davvero tra fuochi, emergenze e… passeggeri .. tutto questo a 10 chilometri da terra! WOW!

  5. “Se un assistente di volo ti dice “Glielo porto subito”, qualsiasi cosa si tratti, ti sta mandando silenziosamente a quel paese.”….Buono a sapersi! 😉

    1. Grazie per il commento Marco! Ammetto di averlo detto nella mia carriera! Sei nel bel mezzo di una fase critica (esempio l’aereo in pista che sta per decollare) e ti dicono: vorrei un bicchiere di acqua! Che puoi rispondere? Non di certo: “le pare questo il momento di avere sete? Non può aspettare dieci minuti?” Allora per non essere maleducata, la risposta geniale è: “glielo porto subito!” così hai salvato la faccia e nello stesso tempo non ti sei dovuto alzare in un momento dove le procedure obbligano a stare seduti. Un abbraccio!

  6. F.U.A.K; ma anche per le postazioni degli assistenti di volo 1L,1R, 2RA, 2L e 2R….
    Le hot towels , e VGML, KSML, SPML, CHML….. Per individuare i pasti speciali.
    È poi… Push back….
    E tante altre ancora….

  7. E la fase sterile?si chiama così giusto? Quando prima dell’atterraggio non puoi chiamare il flight deck se non per dire :”cabin and galley secured”…o x emergenze…

  8. Sono una ragazza di 18 anno e frequento il quarto anno turistico e da quando ho 14 anno che il mio sogno è volare o esattamente fare l’assistente di volo, visto che mi manca solo un anno alla maturità mi sto informando su tutto e trovando questo blog è stato un miracolo, ho scritto il tutto in un quaderno e sto continuando vagando un pò, non so davvero come ringraziarti per il tutto. Inoltre vorrei chiederti consigli per come cominciare e come hai iniziato? Ho saputo che ci sono compagnie, non voglio fare nomi, che fanno pagare il corso e sinceramente mi è un pò impossibile, mi sapresti dire se sono tutti a pagamento e magari darmi qualche consiglio. (Ti spoilero che vorrei cominciare con la easyJet).
    Ps. Spero di ricevere una risposta al più presto e GRAZIE DI CUORE ANCORA!
    Pps. Ho dimenticato di scrivere che per quanto riguarda le lingue sono a vantaggio perché sono madrelingua arabo e italiano e anche francese, e in inglese cerco di eccellere sempre prendendo i voti più alti!

    1. Ciao! Sono certa che potrai realizzare il tuo sogno: go and work for it! 🙂 Sì, alcune compagnie fanno il corso a pagamento e altre no. Se vuoi le compagnie come Emirates e Etihad ti pagano tutto, anche l’appartamento. Potresti iniziare da li. Oppure come dici tu Easyjet! Ogni compagnia ha la sua filosofia ed è un mondo a parte, sta a te trovare quella che ti rappresenta di piu! In bocca al lupo e se hai bisogno scrivimi in privato con la mail che trovi nei contatti. Un abbraccio Giulietta

  9. E le landing card da distribuire ai pax prima dell’atterraggio??? 😂😂😂😂 che poi ci scrivono le peggio cose…. Uhm e non dimentichiamo le crew tag, i crew bus e i transfer….che meraviglia costoro….😉😽

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

I contenuti presenti sul blog WWW.MADITERRAODIVOLO.COM dei quali è autore il proprietario del blog non possono essere copiati,riprodotti,pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all'autore stesso. E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma. E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore. Copyright © 2013 - 2017 WWW.MADITERRAODIVOLO.COM by GIULIETTA MADITERRAODIVOLO. All rights reserved